beethoven, l’invenzione della musica

“Beethoven, l’invenzione della musica” è il progetto di Fulvio Luciani e Massimiliano Motterle che andrà in scena a partire da novembre 2015 al M.A.C. di piazza Tito Lucrezio Caro 1 per laVerdi.

È costruito intorno all’esecuzione integrale delle Sonate per pianoforte e violino di Beethoven, lette alla maniera ormai abituale di Luciani e Motterle, per accostamenti - alcuni dei quali sono vere e proprie piccole monografie, com’è quella dedicata a Schubert, il grande contemporaneo di Beethoven, cui è riservato un intero concerto “Schubert, la parte in ombra”, o quelle dedicate a Ravel e Stravinskij - che le svelino, facendole reagire.

Al ciclo beethoveniano, che sarà registrato live e trasmesso da Classica HD, il canale satellitare di SKY interamente dedicato alla musica classica, si lega un grande progetto di formazione promosso dal Centro Qua_si dell’Università Bicocca di Milano, comprendente un corso di interpretazione, 10 conferenze che precedono ognuno dei concerti, 2 workshop con il liutaio Igor Moroder e concerti per gli allievi.



A Beethoven ci si è sempre riferiti: volendolo, non potendolo evitare, volendone fare a meno con tutte le forze, ma a Beethoven, come a Shakespeare, come a Dante, come a Michelangelo, si continua a tornare anche senza sentire il bisogno di farlo attraverso la storia, come fosse parte del pensiero e della sensibilità del presente, e del presente nostro come di tutti i presenti che si sono susseguiti fino a qui. Nella sua opera leggiamo in fondo la nostra storia personale; viene allora naturale farlo anche per accostamenti: non le Sonate da sole, come in un esperimento da laboratorio, ma affianco ad altro, seguendo il filo di un discorso che si formi passo passo e in una certa misura da sé. È questo il modo che abbiamo scelto per percorrere l’opera per pianoforte e violino di Beethoven: più un’idea poetica che non una visione scientifica.

Le Sonate sono un viottolo parallelo un po’ discosto dalla strada maestra dell’opera beethoveniana, quella dei Quartetti, delle Sinfonie e delle Sonate per pianoforte. È un’occasione: un viottolo lo si può percorrere così come viene e con meno senso del dovere, a cogliere particolari che hanno una felicità spontanea non meno autentica di ciò che troviamo nelle opere più consapevoli, e forse altrettanto significato.



8 novembre 2015

Beethoven, l’invenzione della musica 1

Ludwig van Beethoven: Sonata in la maggiore op.30 n.1 (1802) 21’

Leóš Janáček: Sonata per violino e pianoforte (1914) 17’

Robert Schumann: Sonata in la minore op.105 (1851) 17’



24 gennaio 2016

Beethoven, l’invenzione della musica 2

Ludwig van Beethoven: Sonata in la minore op.23 (1801) 20’

Charles Ives: Sonata n.2 per violino e pianoforte (1902-1910) 14’

Ludwig van Beethoven: Sonata in fa maggiore op.24 "la Primavera" (1801) 23’



21 febbraio 2016

Beethoven, l’invenzione della musica 3 - Schubert, la parte in ombra

Franz Schubert: Sonata in la maggiore op.162 D 574 (1817) 23’

Franz Schubert: Fantasia in do maggiore op.159 D 934 (1827) 25’

Franz Schubert: Rondò brillante in si minore op.70 D 895 (1826) 14’



3 aprile 2016

Beethoven, l’invenzione della musica 4

Wolfgang Amadeus Mozart Sonata in sol maggiore KV 379 (1781) 20’

Béla Bartók: Sonata n.2 per violino e pianoforte (1922) 20’

Ludwig van Beethoven: Sonata in re maggiore op.12 n.1 (1798) 22’



24 aprile 2016

Beethoven, l’invenzione della musica 5

Philip Glass: Sonata for violin and piano (2008) 25’

Olivier Messiaen: Louange à l'immortalité de Jésus, dal Quatuor pour la fin du temps (1941) 7’

Ludwig van Beethoven: Sonata in Sol maggiore op.96 (1812) 27’



29 maggio 2016

Beethoven, l’invenzione della musica 6

Ludwig van Beethoven: Sonata in do minore op.30 n.2 (1802) 26’

Maurice Ravel:

    Adagio, dal Concerto in sol (1929-31) versione di Gustave Samazeuilh 9’

    Sonata n.2 in sol maggiore (1927) 18’



25 settembre 2016

Beethoven, l’invenzione della musica 7

Ludwig van Beethoven: 6 Allemande (WoO n.42) (1795-96)

    Sonata in la maggiore op.12 n.2 (1798) 18’

Chopin - Castelnuovo-Tedesco: Preludes, dai Preludi op.28 di Fryderyk Chopin (1944) prima esecuzione mondiale 19’

Dmitrij Dmitrievič Šostakovič: 10 Preludi op.34 (versione per violino e pianoforte di Dmitrij Michajlovič Cyganov) 13’




23 ottobre 2016

Beethoven, l’invenzione della musica 8

Ludwig van Beethoven: 12 variazioni in fa maggiore sopra “Se vuol ballare signor contino”da "Le nozze di Figaro" di W.A.Mozart (WoO n.40) (1792-93) 8’

Ludwig van Beethoven: Sonata in mi bemolle maggiore op.12 n.3 (1798) 18’

Mario Castelnuovo-Tedesco: Concerto n.3 per violino e pianoforte op.102 (1939) prima esecuzione mondiale 20’ (?)

Manuel Ponce - Jascha Heifetz: Estrellita, serenata messicana 3’

Arthur Benjamin: Jamaican Rumba 2’



20 novembre 2016

Beethoven, l’invenzione della musica 9

Igor Stravinskij: Duo concertant per violino e pianoforte (1932) 15’

    Scherzo, da L'Oiseau de Feu (1910) 3’

    Chants du Rossignol et Marche chinoise, da Le Rossignol (1914) 8’

    Chanson de Paracha, da Mavra (1922) 4’

    Danse Russe, da Petrushka (1911) 3’

Ludwig van Beethoven: Sonata in sol maggiore op.30 n.3 (1802) 18’



18 dicembre 2016

Beethoven, l’invenzione della musica 10

Alban Berg: Concerto “alla memoria di un angelo” (1935) 26’

Ludwig van Beethoven: Sonata in la maggiore op.47 “a Kreutzer” (1803) 34’




Fulvio Luciani, violino

Massimiliano Motterle, pianoforte

Beethoven, l’invenzione della musica

indietromappa_del_sito.htmlmappa_del_sito.htmlshapeimage_3_link_0
foto massimo volta